Come ha strutturato la funzione in illimity? Con quale configurazione?

387
0
Share:

Un aspetto che mi piace sempre enfatizzare è la capacità della compliance di intervenire ex-ante: ossia la capacità di conformare un processo, un prodotto, un sistema, un canale commerciale, una partnership o un modulo contratti che sia a quello che è il panorama normativo. L’intervento è sempre prima, poi c’è la parte di controllo che è l’altra faccia della medaglia, ossia la verifica se ciò che abbiamo costruito continua nel tempo a funzionare allo stesso modo.

Uno degli aspetti più stimolanti della mia esperienze in illimity è stata “il foglio bianco” ossia la possibilitò di poter costruire ex-novo il dipartimento e lo staff portandomi dietro tutta l’esperienza fatta precedentemente in Consob e Unicredit.
L’idea di base è stata quella di evitare di avere dei presidi specialisti per segmento normativo e quindi fare in modo che tutti conoscessero quantomeno le norme legate al business con il quale si interfacciavano. Cosa che non sempre è facile. Sono riuscito a far capire alle persone che progressivamente sono entrate nel mio team quanto fosse importante avere una visione olistica.

Ho creato essenzialmente tre Unit che presidiano rispettivamente: le tematiche di conformità connesse a temi propriamente societari e alle normativa dei mercati degli strumenti finanziari e dei servizi di investimento; le tematiche di conformità essenzialmente connesse al processo del credito, nonché ai prodotti e servizi bancari e di pagamento; i temi antiriciclaggio e di prevenzione e contrasto del rischio di violazione delle sanzioni finanziarie adottate dagli organismi nazionali e sovranazionali preposti.

Non abbiamo in illimity un business particolarmente esposto al rischio sanzioni finanziarie – essendo un business prevalentmenete domestico – ma prevenire è sempre meglio che curare.

Francesco Martiniello

Costruire la funziona antiriciclaggio da zero è stata una fucina straordinaria di sperimentazione informatica e tecnica.
Una straordinaria occasione di sperimentare la tecnologia applicata ai controlli con grandi risultati e apprezzamenti da parte delle Autorità stesse. La combinazione tecnologia e professionalità sono ormai un binomio fondamentale per migliorare l’attività di controllo specie in contesti grandi e multinazionali.